Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























domenica 23 gennaio 2011

Aeroporto dello Stretto: arriva il radar

Aeroporto dello Stretto: arriva il radar anti wind shear per una sperimentazione di valenza mondiale

Domenica 23 Gennaio 2011 18:58
Per l'Aeroporto dello Stretto, la settimana decisamente tribolata a causa delle polemiche di cui abbiamo già ampiamente parlato si sta chiudendo con una notizia decisamente positiva. Il presidente dell’Enac, Vito Riggio, ha infatti annunciato che proprio nello scalo reggino sarà installato il radar sperimentale per il monitoraggio del wind shear, un fenomeno meteorologico molto pericoloso per gli aerei soprattutto se si verifica in fase di decollo o di atterraggio. Proprio il wind shear è il principale "imputato" dell'incidente aereo verificatosi a Palermo Punta Raisi lo scorso 24 settembre, anche se ai procuratori che stanno portando avanti le indagini per capire la causa di quell'incidente, il pilota romano Fabio Buccero ha detto di "non aver avvertito alcun fenomeno di wind shear. Il volo quella sera era stato buono fino all'impatto improvviso con la pistaQuella sera un Airbus 319 della Wind Jet con a bordo 123 passeggeri, uscì fuori pista durante l'atterraggio: decine furono i feriti, anche se nessuno in modo grave. Da quel giorno s'è parlato molto di installare nello scalo di Punta Raisi il radar per monitorare il wind shear, ma il Sindaco di Isola delle Femmine (comune limitrofo a Punta Raisi) e un comitato cittadino hanno condotto una battaglia per opporsi all'installazione del radar stesso, sostenuti dal Governatore Siciliano Raffaele Lombardo. Il motivo? L'impianto del radar, che avrebbe una potenza di circa 250.000 watt, sarebbe pericoloso a causa di emissioni dannose per la salute. Ma su questo rischio è arrivata la secca smentita da parte dell'Enac, dell'Enav e della stessa Gesap, la società di gestione dell'Aeroporto "Falcone - Borsellino" di Palermo, che avrebbe voluto ospitare questo prestigioso impianto all'avanguardia. Sul fatto che il radar emetta sostanze nocive nell'atmosfera s'è espresso anche l'Istituto Superiore della Sanità, confermando che non c'è nessun rischio. Fatto sta che, evidentemente esasperati da continui rimbrotti e proteste, i vertici di Enac e Enav hanno deciso di abbandonare l'idea di installare l'antenna a Palermo e hanno incontrato il Governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, con cui hanno firmato un accordo di programma relativo all'installazione del radar per il monitoraggio del wind shear che prevede un investimento di oltre 10 milioni di euro.
   
                                                                                                                                              


http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_detail.php?intId=2592
   
  1. Vendita Caserma NATO Isola delle Femmine
  2. Interrogazione Incidente aereo Windjet
  3. Wind Shear Sicurezza
  4. Enav (articolo 5, commi 7-novies e 7-decies). Estendono al 31 dicembre 2010, per la parte rimanente di 2,6 milioni di euro, la disponibilità per il completamento degli interventi in materia di sicurezza degli impianti e sicurezza operativa dell'Enav.
  5.  Demanio (articolo 1, comma 23-bis). Si posticipa dal 31 gennaio 2011 al 31 marzo 2011 il termine entro il quale le amministrazioni dello Stato devono comunicare all'Agenzia del demanio le istruttorie in corso per reperire immobili in locazione. Si stabilisce, poi, che la nullità dei contratti di locazione di immobili non stipulati dall’Agenzia del demanio si verifichi solo a decorrere dal 1 gennaio 2011. Si prevede, inoltre, che l'elenco identificativo dei beni immobili di proprietà dello Stato o delle pubbliche amministrazioni che le pubbliche amministrazioni stesse devono inviare all'Agenzia del demanio sia inviato, a decorrere dal 1 gennaio 2010, semestralmente e non entro il 31 dicembre di ogni anno, come attualmente previsto. Viene introdotta, infine, la nuova previsione in virtù della quale gli stanziamenti alle singole amministrazioni per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, a decorrere dall'esercizio finanziario 2011, non potranno eccedere gli importi spesi e comunicati, sempre, all'Agenzia del demanio.
    , , , , , , , , , ,

    Nessun commento:

    Posta un commento