Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























giovedì 24 febbraio 2011

Rifiuti ovunque. «Non usciamo più di casa»

Isola delle Femmine Fatta ritrovare una testa d'agnello, un segnale? un ricatto? una minaccia? O?

Rifiuti ovunque. «Non usciamo più di casa»


Il Sindaco è l'organo responsabile dell'amministrazione comunale;
egli, pertanto, è legittimato ad emanare ordinanze
contingibili ed urgenti per far fronte ad un pericolo imminente ed attuale.
PROFESSORE come la mettiamo con la Sua pubblica dichiarazione ?
Ciro Rota

IL CASO. Numerosi Comuni della provincia sono invasi dai sacchetti: Cinisi, Capaci e Partinico tra i più in difficoltà. Zero differenziata e Tarsu rincarata del 30%. E nessuna soluzione strutturale in vista.
Il fallimento dell’Ato Palermo 1 ha messo in ginocchio l’economia di una delle più belle zone del Mediterraneo. ed ora è vera emergenza rifiuti. Ad Isola delle Femmine, Capaci, Carini, Villagrazia di Carini, Cinisi, Terrasini, Trappeto, Partinico, Montelepre, i cassonetti per la raccolta sono stracolmi di pattume, diventando così delle vere e proprie discariche a cielo aperto. La raccolta differenziata è completamente saltata: l’unico materiale, forse, che viene riaccolto è il cartone, risulta degli imballaggi delle attività industriali e commerciali, ma il resto rimane a marcire per strada in balia di orde di cani randagi, ratti e chi ne ha più ne metta. Almeno 10 tonnellate di immondizia sono lì che attendono d’essere raccolte, in attesa dell’ennesimo decreto in proroga. Ma non ci sono solo i “classici” sacchetti pieni d’immondizia, ma scheletri di elettrodomestici, carcasse o parti di autovetture, materassi in disuso, scarti di lavorazione industriale e quant’altro.

L’assurdo è che ad inizio anno i cittadini siciliani di queste zone si sono visiti recapitare a casa le cartelle esattoriali della Tarsu aumentate del 30%. Il rumore più assordante è, al momento, il silenzio generale. Ma qualcuno che comincia a non sopportare più questa situazione c’è, e comincia a protestare. Rosalia Vitale di Cinisi, esasperata da questa situazione, sbotta: «Sono due anni che vivo in casa, chiusa come un animale in gabbia, pensavo di godermi in santa pace la pensione. Ho abbandonato la caotica città di Palermo per tornare nel mio paese di origine, ho fatto tanti sacrifici per acquistare una villetta in periferia, per vivere tranquilla ed invece ogni giorno sono qui a convivere con questo cumulo di munnizza, che lambisce la mia casa».

La ciliegina sulla torta è lo stato di agitazione dei lavoratori dell’Ato, per il mancato pagamento degli stipendi, in carico fino a poco tempo fa all’agenzia interinale per il lavoro Temporany, che ora con molta probabilità verranno assorbiti dai vari Comuni della fascia costiera del golfo di Castellammare, ed andranno ad alimentare le categorie di lavoratori RSU già precari da decenni, bacino d’utenza per i politici in tempo d’elezioni. Intanto, lo stallo politico della Regione siciliana, la mancanza di impianti, la discarica di Bellolampo ormai satura, costringono quei pochi camion che riescono a scaricare l’immondizia, ad effettuare viaggi allucinanti verso le province di Messina o addirittura di Ragusa: una distanza di oltre 250 chilometri. Il tutto, in un territorio già messo a dura prova dal fallimento della politica gestionale della Fiat, dove tutte le imprese dell’indotto sono in estrema crisi: l’ultima è la Gasolone di Carini, dove i sindacati di categoria hanno appena firmato per ulteriori 12 mesi di cassa integrazione, mentre all’Italtel i lavoratori sono sempre in bilico, e si vede così minacciata l’unica risorsa che porta avanti l’economia della zona: il turismo.

Il paradosso più grave lo si vive a Partinico, centro di 32.000 abitanti, dove la popolazione combatte da decenni una guerra contro i mulini al vento, contro l’inquinamento della Bertolino. Questo è uno dei pochi comuni siciliani che può vantarsi (si fa per dire), di avere una discarica, quella di contrada Caronia, ma tuttora inoperosa perché satura o servita da mezzi inadeguati all’accoglienza dei rifiuti perché non differenziati, mentre i lavoratori passeggiano nel piazzale a non fare nulla in attesa che arrivi il giorno di uno sbocco della crisi. Nel frattempo ci stiamo avvicinando al Carnevale, fondamentale per la sopravvivenza per cittadine come Balestrate, Cinisi e Terrasini, dove alcune attività alberghiere riaccendono i motori, mentre i turisti dovranno districarsi fra sacchetti d’immondizia per seguire i carri allegorici, che invadono interi tratti della carreggiata della S.S. 113, la strada statale che collega Messina a Trapani, mentre i sindaci non hanno ancora preso una posizione concreta, dimenticando di essere loro i tutori della salute e dell’igiene pubblica.

Le forze dell’ordine in questi ultimi giorni hanno arrestato decine di persone sorprese a scaricare materiali di risulta, oltre al normale servizio contro la macro e microcriminalità, ed hanno istituito servizi ad hoc per la vigilanza e la prevenzione incendi dei cumuli di immondizia. Ma di certo non può bastare. Servono soluzioni strutturali, a cui nessuno sta mettendo mano. Intanto, tra pochi giorni verrà firmata una nuova proroga e verrà costruita in pochi giorni un’altra vasca di stoccaggio. Fino alla prossima emergenza.

http://www.terranews.it/news/2011/02/palermo-rifiuti-ovunque-%C2%ABnon-usciamo-piu-di-casa%C2%BB

PROFESSORE Lei è indignato che Isola delle Femmine è indegna,
Le chiedo e con me i Cittadini onesti di Isola delle Femmine,
perché Lei non si è indignato delle 52 promozioni fatte
dall’ATO PA1 il giorno prima dell’insediamento del
Commissario Regionale? Come LEI certamente
saprà in fase di fallimento non sono possibili
aumenti salariali, in questo caso con il
“benestare e/o silenzio” di TUTTI si è tirato
fuori dal cilindro la scusa  dei passaggi di categoria
così si è comunque ottenuto un aumento di salario.
PROFESSORE Lei in questo caso non si è
indignato dell’arrembaggio in una fase di casse vuote?

Legge 9/2010 il Comune esercita le funzioni
atte a garantire la raccolta delle diverse frazioni di
rifiuti urbani e prescrivono le disposizioni per la
corretta gestione dei rifiuti urbani
pericolosi e dei rifiuti cimiteriali;
PROFESSORE ancora senza risposta la richiesta a 
prot 1215 del 29 settembre 2009 sui rifiuti cimiteriali ?
Forse LEI è in attesa che trascorrano DUE anni?

Legge 9/2010:  promuovere la raccolta differenziata
dei rifiuti solidi urbani e di quelli assimilati agli urbani,
adottando in via prioritaria il sistema di
raccolta porta a porta e definendo sistemi
di premialità e penalizzazione
finalizzati ad aumentarne le relative percentuali.
PROFESSORE si rende conto LEI di non rispettare la legge?


La Repubblica tutela la salute
come fondamentale diritto
dell'individuo e interesse della collettività,
e garantisce cure gratuite agli indigenti.

Il Sindaco è l'organo responsabile dell'amministrazione comunale;
egli, pertanto, è legittimato ad emanare ordinanze
contingibili ed urgenti per far fronte ad un pericolo imminente ed attuale.
PROFESSORE come la mettiamo con la Sua pubblica dichiarazione ?

É giunto il momento di valutare
i costi sociali ed ambientali
che questi disastri
stanno comportando.


Il Sindaco è l'organo responsabile dell'amministrazione comunale;
egli, pertanto, è legittimato ad emanare ordinanze
contingibili ed urgenti per far fronte ad un pericolo imminente ed attuale.
PROFESSORE come la mettiamo con la Sua pubblica dichiarazione ?

Il Sindaco, in presenza di urgenti
ed indifferibili necessità della salute pubblica,
può ordinare di contenere, di limitare o
persino di eliminare tutte le reali
fonti delle emissioni sonore.
PROFESSORE come la mettiamo?
Pensa di poter rispettare la legge?

Prevenire ulteriori danni
all'ambiente circostante
ed alla salute pubblica
degli abitanti nelle
zone limitrofe.
Professore Lei sa di
avere questa responsabilità?

Legge 9/2010   La pianificazione regionale definisce
i criteri e le modalità per promuovere la
programmazione e l'esercizio della gestione
integrata dei rifiuti, favorendone la riduzione,
le forme di raccolta aggregate dei materiali
post consumo, indirizzando le raccolte di
materiali singoli o aggregati da destinare al
riciclaggio e al recupero in modo omogeneo
nel territorio regionale, al fine di generare
una filiera industriale del riciclo e del recupero
che possa contare su un flusso certo di
materia per qualità e quantità
PROFESSORE è chiaro?  GENERARE una
FILIERA a proposito di Ecopunto a parenti ed amici!.


A pensare! I vigili ad un tiro di schioppo!



Il Sindaco, legittimamente, può ordinare,
dove esistano specifici pericoli per la salute pubblica
che impongono interventi immediati,
la cessazione di attività lavorative nocive e
dannose per la salute pubblica.
PROFESSORE: ora spero Le sia chiaro perchè
parliamo di DIRITTI?
I Cittadini alla luce di leggi regolamenti
RUOLI responsabilità, individuano
inadempienze in cui si configurano dei REATI
contro il patrimonio e contro la persona

L'Assessore BUGIARDINO si chiede:  
"quale vocazione ha Isola delle Femmine?"

Intanto il nipote ha allargato
il suo raggio d'azione














39

I Cittadini partecipanti  Comprensivi dei Dirigenti Funzionari Politici Onorevoli Segretari Coordinatori Consiglieri Assessori Sindaco Sindacalisti Venditori di munnezza Presidentesse di Comitati Presidenti di Cooperative Aspiranti a...,  per il convegno (a margine del convegno si è molto discusso dell'assenza di Padre Calogero Governale del Preside della Scuola di Salvatore la Spisa di.....)

"Territorio Ambiente ed Educazione Ambientale"



E' stata inoltre l'occasione per il  lancio dell'iniziativa "Ecopunto"


Mi  chiedo, avevamo bisogno di un Convegno per sapere che Isola delle Femmine vive in uno stato di perenne e diffusa ILLEGALITA' ?

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per conoscere  che a Isola delle Femmine si consumano quotidianamente dei REATI AMBIENTALI che si ripercuotono negativamente sulla salute dei Cittadini e all'intero territorio di Isola delle Femmine.

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per conoscere gli autori di questi reati che pregiudicano seriamente la Salute dei Cittadini   la   qualità della loro vita e il decoro di un'intero paese invaso dall'immondizia.

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per sapere che l'intero territorio di Isola delle Femmine con le sue certificate bellezze naturali è aggredita da una
scellerata  quanto "illegittima" cementificazione.

Non avevamo certo bisogno della "vecchia news" del  Professore:
  • raccolta differenziata a Isola delle Femmine è allo 0%,
  • che la Sua gestione dei Rifiuti è FALLITA,
  • che i debiti verso la Sua società (ATO) ammontano a 4 milioni di Euro
  • che le TARSU per i Cittadini è aumentata
Non avevamo certo bisogno del Bugiardino per conoscere il suo pensiero:

"...lo sappiamo la cementeria inquina, non possiamo farci nulla.... possiamo solo limitare il suo inquinamento..."
"... io mi sono battuto in Consiglio Comunale contro l'installazione dell'elettrodotto della Italcementi..... " (forse al nostro Bugiardino gli è sfuggito che è stato comunque realizzato)

".. noi tutti ci siamo battuti per imporre alla Italcementi l'Autorizzazione Integrata Ambientale...." (il nostro Bugiardino omette di dire che l'AIA (luglio 2008) è stata concessa a condizione che la Italcementi adottasse (entro 2 anni) le migliori Tecnologie (imposte dalla Comunità Europea) e solo con l'ammodernamento dell'impianto era concesso l'uso del Pet-coke come combustibile da parte della Italcementi. Il nostro BUGIARDINO forse gli è sfuggito che nell'Autorizzazione Integrata Ambientale, che Lui ha imposto, era previsto l'applicazione del Progetto Revamping, su cui   ad oggi non siamo in grado di capire la Sua posizione, essendo Lui molto "ondivago" )

Alla fine il nostro Bugiardino (in un momento di alta genialità)  in sintonia con gli interventi precedenti:

"...... noi dobbiamo decidere se vogliamo il nostro paese  Isola delle Femmine a   VOCAZIONE turistica oppure a VOCAZIONE industriale... sapendo fin d'ora che mettiamo a rischio il lavoro di 300 famiglie"

GENIALE! GENIALE! Solamente GENIALE! il PD ha fatto un ottimo acquisto! Complimenti!

Fra quelle trecento famiglie vi sono alcuni suoi elettori?

Ribadiamo che gli unici obiettivi del Comitato Cittadino Isola Pulita sono:
• RIPRISTINO DELLA LEGALITA’
• DIFESA DELLA SALUTE E LA TUTELA DEL TERRITORIO






Italcementi 21 febbraio 2011 ore 9 30
Caricato da isolapulita. - Video notizie in tempo reale



CUTINO,Portobello,PELOSO,Piombino,Falletta,bruno,Oliva,LO CASCIO,Comitato No Radar,apprendi,AMBIENTE ITALCEMENTI, Comuni Inquinamento mafioso affaristico, Raccolta differenziata, Ecopunto

RIFIUTI: LIQUIDAZIONE ATO, PIANO RIENTRO COMUNI E PERSONALE-2-
 
La circolare sollecita i Consorzi e le Autorita' d'ambito ad attuare le disposizioni di legge per la liquidazione degli Ato, il cui coordinamento e' affidato alla Ragioneria generale della Regione, in modo da garantire omogeneita' di indirizzo nelle attivita' liquidatorie.

A partire dal primo bilancio, i liquidatori dovranno accertare la reale consistenza dei crediti e dei debiti delle Societa' e dei Consorzi d'Ambito, comprese le eventuali perdite o disavanzi relativi ai rapporti tra le AutoritA' e gli enti locali, che, in quanto soci, sono tenuti a pagare i propri debiti contratti con gli Ato, e a concorrere alla copertura delle perdite.

Conclusa questa ricognizione, ciascun ente locale potra' predisporre il proprio piano di rientro secondo quanto prevede la legge 11 del 2010.

Il dirigente generale del dipartimento Acque e Rifiuti, Enzo Emanuele, ha gia' firmato anche la circolare che fissa le modalita' e gli interventi della Regione in favore dei comuni per il ripianamento dei debiti.

"Finalmente - ha detto Emanuele - un passo concreto che brucia le tappe per attuare le disposizioni di legge, anche in vista della definizione del Piano rifiuti regionale".

Il personale che transitera' nelle nuove Srr, sara' individuato dall'assessorato, di concerto con l'Anci e l'Upi, tra i lavoratori attualmente in servizio, alla data di entrata in vigore della legge, nelle Societa' o nei Consorzi, e proveniente dai comuni, dalle province e dalla Regione. Entro 15 giorni dalla pubblicazione della circolare gli enti dovranno inviare al Dipartimento dell'Acqua e dei Rifiuti l'elenco delle unita' di personale, indicando le generalita' degli interessati, i profili di appartenenza e le relative modalita' di utilizzo. Sara' compito del liquidatore effettuare tutte le necessarie verifiche per individuare, in maniera puntuale, i lavoratori che traghetteranno nelle Srr che si stanno costituendo.

Le due circolari sono gia' state pubblicate nel sito del Dipartimento Acque e Rifiuti dell'assessorato all'Energia e ai Servizi di Pubblica utilita'

 http://radiomosaici.blogspot.com/2010/12/rifiuti-liquidazione-ato-piano-rientro_18.html
Circolare N°3/2010 - Articolo 45 Legge Regionale 12/05/2010, n.11 - Interventi in favore dei comuni per il ripianamento dei debiti. Piano di rientro
Circolare N°2/2010 - Art. 19 Legge Regionale 8 Aprile 2010, n°9
Adobe Portable Document Format (PDF)


Adobe Portable Document Format (PDF)   
Circolare N°1/2010 - L'intervento straordinario della Regione Siciliana in presenza di situazione di crisi nello svolgimento del servizio Integrato di Gestione dei Rifiuti

Adobe Portable Document Format (PDF)   

L'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA APPROVA LA LEGGE SUI RIFIUTI 

  Ambiente,Oliva,Ecopunto,Falletta,Diritto ambientale,Incenerimento,InFormazione ambientale, Partecipazione popolare,Portobello,Cutino,Politiche ambientali,Cementifici,

Italcementi 28 febbraio 2011 I VERI RESPONSABILI dei reati ambientali

Isola delle Femmine Fatta ritrovare una testa d'agnello, un segnale? un ricatto? una minaccia? O?


Italcementi 28 febbraio 2011 I VERI RESPONSABILI dei reati ambientali:

Una signora ha
appena sbarrato la finestra si affaccia sulla Italcementi

SIGNORI: Voi siete gli UNICI responsabili  di questo scempio di questo degrado :


Isola delle Femmine Discarica a cielo aperto
di Viale Marino



I container non sono sufficienti a raccogliere a munnezza




A domani!




Appaltato  dal Comune i lavori di rimozione munnezza?
Il FUMO e la PUZZA entra nelle case




VERGOGNATEVI e alla fine ci
aumentate anche le tasse!


Legge 9/2010 il Comune esercita le funzioni
atte a garantire la raccolta delle diverse frazioni
di rifiuti urbani e prescrivono le disposizioni
per la corretta gestione dei rifiuti urbani
pericolosi e dei rifiuti cimiteriali;
PROFESSORE ancora senza risposta la richiesta
a  prot 1215 del 29 settembre 2009 sui rifiuti cimiteriali ?
Forse LEI è in attesa che trascorrano DUE anni?
Porte e finestre sbarrate si esce solo per necessità impellenti
La Repubblica tutela la salute
come fondamentale diritto
dell'individuo e interesse della collettività,
e garantisce cure gratuite agli indigenti.


Il Sindaco è l'organo responsabile dell'amministrazione comunale;
egli, pertanto, è legittimato ad emanare ordinanze
contingibili ed urgenti per far fronte ad un pericolo imminente ed attuale.
PROFESSORE come la mettiamo con la Sua pubblica dichiarazione ?


Il Sindaco, nella qualità di ufficiale del Governo,
può adottare provvedimenti contingibili
ed urgenti con lo scopo, la finalità di reprimere
e prevenire pericoli che minacciano la pubblica incolumità.
PROFESSORE scusi se La disturbiamo
ma è Lei il sindaco di Isola delle Femmine?


Il Sindaco, legittimamente, può ordinare,
dove esistano specifici pericoli per la salute pubblica
che impongono interventi immediati,
la cessazione di attività lavorative nocive e
dannose per la salute pubblica.
PROFESSORE: ora spero Le sia chiaro perchè
parliamo di DIRITTI?
I Cittadini alla luce di leggi regolamenti
RUOLI responsabilità, individuano
inadempienze in cui si configurano dei REATI
contro il patrimonio e contro la persona

meglio non uscire la puzza ti prende
alla gola e I polmoni fanno fatica a lavorare.




Il Sindaco, in presenza di urgenti
ed indifferibili necessità della salute pubblica,
può ordinare di contenere, di limitare o
persino di eliminare tutte le reali
fonti delle emissioni sonore.
PROFESSORE come la mettiamo?
Pensa di poter rispettare la legge?




Prevenire ulteriori danni
all'ambiente circostante
ed alla salute pubblica
degli abitanti nelle
zone limitrofe.
Professore Lei sa di
avere questa reponsabilità?


Un invito a visitare Isola delle Femmine

Tutela dell'incolumità pubblica


Aggiungi didascalia




Discariche mobili di Isola delle Femmine


Professore affacciandosi alla finestra
di certo noterà questo scempio!


Isola delle Femmine Ufficio Tributi


A pochissimi centimetri dall'ingresso
della  scuola
elementare frequentata dai
bimbi di Isola delle Femmine.

I bambini che frequentano la scuola
elementare bersagliati dai
fumi della Italcementi sita
a pochi metri dalla scuola.

I bambini che frequentano la scuola
elementare bersagliati dai
fumi della Italcementi sita
a pochi metri dalla scuola.

E' inutile cercare  l'assessore
BUGIARDELLO a Lui non
frega niente dei fumi o
degli inquinanti della Italcementi

Isola delle Femmine Via Libertà al n. 40  
PROFESSORE Lei è indignato che Isola delle Femmine è indegna,
Le chiedo e con me i Cittadini onesti di Isola delle Femmine,
perché Lei non si è indignato delle 52 promozioni fatte
dall’ATO PA1 il giorno prima dell’insediamento del
Commissario Regionale? Come LEI certamente
saprà in fase di fallimento non sono possibili
aumenti salariali, in questo caso con il
“benestare e/o silenzio” di TUTTI si è tirato
fuori dal cilindro la scusa  dei passaggi di categoria
così si è comunque ottenuto un aumento di salario.
PROFESSORE Lei in questo caso non si è
indignato dell’arrembaggio in una fase di casse vuote?

Mi chiedo se l'Assessore Riso Napoleone
si rende conto dello scempio a cui Lui
quotidianamente
assiste visto che lo scempio
 (Munnezza, Italcementi, Raddoppio ferroviario...), 
è a ridosso della   palestra
di Sua proprietà?

I fumi della Italcementi entrano
direttamente in casa,
infatti sono diversi
i Cittadini che in questi
ultimi due mesi hanno
fatto ricorso alle cure mediche

Emissioni diffuse e oscuranti


Isola delle Femmine Via libertà 40







Turismo a Isola delle Femmine

Turismo a Isola delle Femmine

I fumi della Italcementi sono talmente
fitti compatti e densi
che è facile scambiare Isola delle Femmine
per un paese Padano




C'è in giro un ambientalismo del fare,
o meglio dell'affare (Ecopunto) il PD
(stampella delll'Assessore Bugiardino)
si è fatto interprete di questo "ambientalismo"

39

I Cittadini partecipanti  Comprensivi dei Dirigenti Funzionari Politici Onorevoli Segretari Coordinatori Consiglieri Assessori Sindaco Sindacalisti Venditori di munnezza Presidentesse di Comitati Presidenti di Cooperative Aspiranti a...,  per il convegno (a margine del convegno si è molto discusso dell'assenza di Padre Calogero Governale del Preside della Scuola di Salvatore la Spisa di.....)

"Territorio Ambiente ed Educazione Ambientale"



E' stata inoltre l'occasione per il  lancio dell'iniziativa "Ecopunto"


Mi  chiedo, avevamo bisogno di un Convegno per sapere che Isola delle Femmine vive in uno stato di perenne e diffusa ILLEGALITA' ?

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per conoscere  che a Isola delle Femmine si consumano quotidianamente dei REATI AMBIENTALI che si ripercuotono negativamente sulla salute dei Cittadini e all'intero territorio di Isola delle Femmine.

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per conoscere gli autori di questi reati che pregiudicano seriamente la Salute dei Cittadini   la   qualità della loro vita e il decoro di un'intero paese invaso dall'immondizia.

Non avevamo certo bisogno di un Convegno per sapere che l'intero territorio di Isola delle Femmine con le sue certificate bellezze naturali è aggredita da una
scellerata  quanto "illegittima" cementificazione.

Non avevamo certo bisogno della "vecchia news" del  Professore:
  • raccolta differenziata a Isola delle Femmine è allo 0%,
  • che la Sua gestione dei Rifiuti è FALLITA,
  • che i debiti verso la Sua società (ATO) ammontano a 4 milioni di Euro
  • che le TARSU per i Cittadini è aumentata
Non avevamo certo bisogno del Bugiardino per conoscere il suo pensiero:

"...lo sappiamo la cementeria inquina, non possiamo farci nulla.... possiamo solo limitare il suo inquinamento..."
"... io mi sono battuto in Consiglio Comunale contro l'installazione dell'elettrodotto della Italcementi..... " (forse al nostro Bugiardino gli è sfuggito che è stato comunque realizzato)

".. noi tutti ci siamo battuti per imporre alla Italcementi l'Autorizzazione Integrata Ambientale...." (il nostro Bugiardino omette di dire che l'AIA (luglio 2008) è stata concessa a condizione che la Italcementi adottasse (entro 2 anni) le migliori Tecnologie (imposte dalla Comunità Europea) e solo con l'ammodernamento dell'impianto era concesso l'uso del Pet-coke come combustibile da parte della Italcementi. Il nostro BUGIARDINO forse gli è sfuggito che nell'Autorizzazione Integrata Ambientale, che Lui ha imposto, era previsto l'applicazione del Progetto Revamping, su cui   ad oggi non siamo in grado di capire la Sua posizione, essendo Lui molto "ondivago" )

Alla fine il nostro Bugiardino (in un momento di alta genialità)  in sintonia con gli interventi precedenti:

"...... noi dobbiamo decidere se vogliamo il nostro paese  Isola delle Femmine a   VOCAZIONE turistica oppure a VOCAZIONE industriale... sapendo fin d'ora che mettiamo a rischio il lavoro di 300 famiglie"

GENIALE! GENIALE! Solamente GENIALE! il PD ha fatto un ottimo acquisto! Complimenti!

Fra quelle trecento famiglie vi sono alcuni suoi elettori?

Ribadiamo che gli unici obiettivi del Comitato Cittadino Isola Pulita sono:
• RIPRISTINO DELLA LEGALITA’
• DIFESA DELLA SALUTE E LA TUTELA DEL TERRITORIO








CUTINO,Portobello,PELOSO,Piombino,Falletta,bruno,Oliva,LO CASCIO,Comitato No Radar,apprendi,AMBIENTE ITALCEMENTI, Comuni Inquinamento mafioso affaristico, Raccolta differenziata, Ecopunto