Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























sabato 5 febbraio 2011

Revamping a Monselice: è guerra legale. Italcementi chiede i danni ai comitati

Revamping a Monselice: è guerra legale. Italcementi chiede i danni ai comitati

Due ricorsi al Tar contro il progetto del nuovo cementificio a Monselice: quello dei comitati e l'altro dei comuni di Baone e Este. L'azienda contrattacca e chiede 200 mila euro di danni d'immagine
 
      Il rendering del futuro cementificio
MONSELICE. Sono partiti ufficialmente i ricorsi al Tar contro il revamping Italcementi. Il primo l'hanno depositato nei giorni scorsi i Comuni di Baone e Este. A ruota è seguito quello dei comitati, che hanno scelto di far coincidere l'annuncio con la rivelazione che l'Italcementi ha chiesto, a ciascuno dei due presidenti, un risarcimento per i «danni di immagine» arrecati all'azienda pari a 200 mila euro. «Il colosso multinazionale Italcementi, 5 miliardi di euro di fatturato, ha chiesto circa 200.000 euro di risarcimento a due comuni cittadini per solo il fatto di essersi opposti al progetto di revamping», fanno sapere con una nota congiunta i comitati 

I Comitati dunque non arretrano. Anzi, rappresentati dagli avvocati Davide Furlan e Giuliano Neri, hanno appena depositato un ricorso al Tar del Veneto contro la Provincia di Padova, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l'Ente Parco dei Colli Euganei, il Comune di Monselice e nei confronti di Italcementi, «al fine di accertare la correttezza delle procedure e delle autorizzazioni al revamping».
border=0
22 gennaio 2011


Calusco,Monselice,Isola delle Femmine,Portobello,Italcementi,Inquinamento,Cromo Esavalente VI,Tumori,Cutino,Italcementi,Benzene,Ammoniaca,Mercurio,Metalli Pesanti,Pm10,

Nessun commento:

Posta un commento